“Perché tutta questa fretta per Caffeina winter?”

“Come mai tutta questa fretta di approvare Caffeina winter?”.

Luigi Buzzi (FdI), interrogando ieri in consiglio l’assessore Antonio Delli Iaconi, ha parlato di un’amministrazione a due velocità.

Il 18 febbraio scorso, la giunta ha approvato la delibera con cui dal 28 novembre 2016 al 15 gennaio 2017 autorizza, per lo svolgimento del festival invernale, l’uso di spazi e concessione di suolo pubblico nel centro.

“Per 49 giorni – ha detto Buzzi – si autorizza l’uso di numerosi spazi, e cioè piazza san Lorenzo, piazza san Carluccio, piazza san Pellegrino, piazza del Gesù, spazio esterno del cortile di palazzo san Carluccio e dei relativi ambienti interni al piano terra.

Non solo – ha continuato il consigliere – è autorizzato, per lo stesso periodo, l’uso del suolo pubblico in via dei Pellegrini, via san Lorenzo nel tratto da piazza della Morte a piazza san Lorenzo, via Pietra del pesce, via Macel maggiore, via san Pellegrino nel tratto da piazza san Carluccio a piazza san Pellegrino. E ancora si dispone la chiusura del traffico veicolare per permettere gli eventi.

Il provvedimento è stato preso nel bel mezzo della crisi della maggioranza. Rischiava di cadere da un momento all’altro, ma ha comunque pensato a incassare questo risultato, programmando addirittura il Natale dell’anno prossimo. Siamo di fronte a una giunta a due velocità, in cui da una parte si litiga, però, dall’altra si approvano in fretta e furia dei documenti, senza un bando o un progetto. Non è stata per niente pubblicizzata la possibilità di presentare le domande. Così facendo, si tagliano le gambe alle altre associazioni culturali”.

Buzzi è andato a fondo. “Al Sacrario, poi, in quel periodo, c’è il mercatino. Con 49 giorni di programmazione nel centro, non ci sono spazi materiali per iniziative di altro tipo”. E all’amministrazione: “Avrete scelto in base a un progetto. Dove è? Assessore – ha aggiunto Buzzi rivolto a Delli Iaconi – lei parla tanto di bandi, atti e documentazione. In questo caso non c’è niente. Quindi? Avete programmato come se nessun altra realtà fosse interessata al Natale. Ma c’è di più, e cioè un salto temporale per cui siete passati alla fine dell’anno, senza pensare minimamente al settembre viterbese”.

Ha ripreso il discorso della concessione degli spazi anche il consigliere Moltoni (Gal) chiedendo se l’occupazione del suolo pubblico venisse pagata. Delli Iaconi ha confermato.

L’argomento, nel teso pomeriggio del consiglio comunale, ha rappresentato il botto finale.

Pare che l’assessore Barelli, rientrato in aula dopo una telefonata, non abbia preso bene la domanda di Moltoni sul pagamento dell’occupazione del suolo pubblico. Si sarebbe rivolto al consigliere Gal dicendogli che è vero che al Comune servono soldi e che il primo a pagare dovrebbe essere lui (riferendosi agli 80 mila euro da versare per la questione Cev, ndr).

I toni si sarebbero surriscaldati tant’è che i due si sarebbero rincorsi e sarebbero volate parole grosse fino alla sala degli uscieri, tra lo stupore dei consiglieri rimasti fino alla fine della seduta. E’ stato anche chiamato il sindaco Michelini per placare gli animi.

 

Fonte: http://bit.ly/1RMCaCb

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑