Omicidio di Orte ennesima dimostrazione del fallimento del sistema accoglienza

Stamattina il deputato di Fratelli d’Italia, Mauro Rotelli insieme al portavoce provinciale Massimo Giampieri, al consigliere provinciale Gianluca Grancini, all’assessore del comune di Orte, Diego Bacchiocchi, al responsabile Dipartimento Immigrazione della provincia di Viterbo, Jean Pierre Scarpelli,  al consigliere comunale di Vallerano Jacopo Polidori ed al consigliere comunale di Vasanello, Francesco Ricci, ha incontrato ad Orte i gestori dell’hotel Carpe Diem, la struttura che, dal 2014, si è trasformata in un Centro di Accoglienza per immigrati.

L’albergo, che ora conta 32 ospiti, molti dei quali vi risiedono ormai da anni senza alcun progetto serio di integrazione,  in queste ultime ore è al centro delle cronache per l’omicidio di un nigeriano dopo una rissa tra connazionali.

L’incontro di oggi, ancora una volta, ha dunque confermato le storture del sistema dell’accoglienza.

La preoccupante gestione del tema immigrazione è, inoltre, esasperata dai tempi biblici della burocrazia, ed in un quadrante, come quello di Orte, caratterizzato già da una massiccia presenza extracomunitaria rischia di esplodere causando tragedie come quella di domenica sera.

Si tratta di una problematica complessa che va affrontata al più presto senza pregiudizi  né atteggiamenti demagogici che non portano soluzioni, ma servono solo ad  esacerbare gli animi.

Per questo Fratelli d’Italia tornerà a breve dal Prefetto di Viterbo per chiedere lumi sulla rendicontazione delle spese di queste strutture, anche per evitare, nel futuro, il ripetersi di simili episodi.

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

WhatsApp chat