Luigi Maria Buzzi: Ex Onmi, il comune vuole chiudere l’asilo?

Nel leggere attentamente il botta e risposta tra gli assessori Troncarelli e Barelli, ulteriore esempio di lacerazioni interne anche alla giunta, si evince facilmente il lento ed inesorabile declino a cui sta andando incontro l’asilo comunale ex “Opera Onmi”.

 

Pare che ci si accorga solo ora della reale situazione di questa struttura, una struttura, è bene ricordarlo, che qualche anno fa era un vanto dei servizi sociali, in grado di rappresentare un punto di riferimento all’avanguardia per tutti gli altri asili nido convenzionati con il comune. Decine le operatrici che vi lavoravano e oltre 140 i bambini presenti.

 

Ora sembra essere l’ombra di se stesso, dove la sola assenza di un cuoco manda in crisi l’intero servizio.

 

Anzi a leggere bene tra le righe del botta e risposta apparso, sembra che ci sia la volontà di farlo chiudere, di scrivere la parola fine a questa struttura.

 

Del resto non sono stati nemmeno programmati concreti progetti di rilancio dell’asilo, forse sarà tutto inglobato nella nuova struttura a Santa Barbara. Si chiude in centro e si porta fuori le mura, storia ben nota.

 

Non si può dimenticare, inoltre, l’assurdo regolamento sul servizio asili nido, un regolamento che doveva essere sperimentale, ma che l’immobilismo di questa amministrazione unito alla situazione delle commissioni consiliari, lo hanno reso definitivo e… inapplicabile!

 

Ancora una volta questa amministrazione dimostra di essere litigiosa e brava solo a chiacchiere, peccato che in questo caso si parla di bambini, si parla della prima educazione delle generazioni di domani, ma intanto si continua a vivere del proprio…

 

Luigi M. Buzzi Capogruppo FDI-An

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

WhatsApp chat