L ‘Appalto mense ci riserva sempre continue sorprese

Era esattamente agosto dell’anno scorso quando FDI, in merito alla nuova gara per l’affidamento del servizio mensa, ha chiesto di annullare la stessa e riportare il tutto in commissione viste le modifiche apportate al bando con ancora la gara aperta.

A distanza di mesi sono avvenuti una serie di fatti che sembrano sempre più dare ragione alla presa di posizione di Fratelli d’Italia.

Ultimo avvenimento, ma di non poco conto, la pubblicazione delle motivazioni per le quali il TAR del Lazio ha accolto il ricorso dell’attuale società che gestisce il servizio, E.P. arrivata terza in graduatoria e, quindi, di fatto perdente.

Le ditte che si sono classificate prima e seconda, per il Tar dovevano, infatti, essere escluse!
Per la seconda classificata (Cir Food), vista la garanzia fideiussoria incompleta, per la prima (Serenissima Ristorazione), vista l’assenza del centro cottura, divenendo così di fatto nulla la determina dirigenziale del comune che ha stilato la graduatoria.

Ma cosa significa in concreto? Cosa riporta nel dettaglio il
TAR?

Nel primo caso la fideiussione presentata da Cir Food copre solo la mancata sottoscrizione del contratto e pertanto non è interamente conforme alla richiesta del disciplinare. La commissione, quindi, avrebbe dovuto escluderla non avendo la ditta presentato una documentazione conforme a quanto richiesto nel bando.

Il caso ancora più grave, però, è accaduto per la prima classificata, Serenissima Ristorazione, infatti, non ha presentato alcun impegno ad allestire un centro di cottura e confezionamento pasti entro novanta giorni dall’affidamento del servizio di refezione, ma ha dichiarato di possedere già suddetta struttura a Viterbo, con capacità di duemila pasti. Il TAR però ha valutato la dichiarazione in contrasto con la realtà dei fatti, dal momento che Serenissima non possiede alcuna struttura con tali caratteristiche a Viterbo, né ha dato prova di alcuna attività da parte sua per realizzarla in tempi utili.

È bene ricordare che le modifiche apportate al bando erano proprio relative al prolungamento della data di presentazione dell’offerta e al prolungamento del termine fissato per la realizzazione del centro cottura!
Dalla lettura di queste motivazioni nascono, però, ulteriori dubbi e domande
che FDI presenterà come interrogazione in Consiglio comunale.

È possibile mai che una commissione nominata ad hoc tra “tecnici” possa commettere questi errori, così gravi e grossolani? Come si fa a non guardare attentamente una polizza fideiussoria? Ma peggio, come può essere che non si è accorta della dichiarazione “in contrasto con la realtà” sull’esistenza di un centro cottura?

È legittimo chiedersi da chi era composta e da chi è stata scelta la commissione di gara?

Il tutto ci sembra ancora più strano se si considera che durante la commissione, tenutasi appositamente sul tema e richiesta da FDI, il dirigente ad espressa domanda se erano stati fatti sopralluoghi nei centri cottura indicati dalla ditta, rispondeva: “Abbiamo fatto un giretto, un giretto con i colleghi per vedere se questo centro c’era realmente e se erano in zona compatibile…”.

Ma anche le affermazioni dell’assessore Valeri, competente per delega all’istruzione, sulle motivazioni del prolungamento della data di realizzazione del centro cottura, non sono da meno “se l’amministrazione appaltante ha necessità nell’interesse pubblico di acquisire più offerte possibili, se riceve richieste e diciamo gli viene suggerita l’opportunità di allungare quel termine che era preliminare…”

Ora ci chiediamo cosa è stato controllato in questi giretti? Chi ha suggerito di prolungare i termini? Esiste una richiesta scritta o è stato in modo informale?

Oggettivamente ci aspettiamo dall’amministrazione che si faccia piena chiarezza su tutta questa vicenda che si intreccia poi con promesse fatte in campagna elettorale ai lavoratori e sul futuro del Caffè Schenardi come più volte riportato dalla stampa.

Luigi Maria Buzzi
Capogruppo FDI-AN in Comune

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

WhatsApp chat