Fratelli d’Italia apre le porte al mondo dello sport e dei bambini.

Fratelli d’Italia apre le porte al mondo dello sport e a quello dei bambini.
Tra venerdì pomeriggio e sabato mattina si sono tenuti due incontri nella sede di via Romiti, 78 per riflettere di due aspetti portanti per la società.
Nel primo si è parlato di sport. Al dibattito sono intervenuti il sindaco di Viterbo Giulio Marini, il delegato provinciale del Coni e l’assessore allo Sport Luigi Maria Buzzi. Tante le associazioni sportive locali e i gestori delle strutture ricettive che hanno risposto all’invito di Fratelli d’Italia per partecipare alla discussione. Ci si è soffermati, in particolare, sull’importanza dello sport sia da un punto di vista fisico che migliora la qualità della vita di chi lo pratica, sia da un punto di vista educativo, sociale e di crescita personale.
E’ stato ricordato che il Comune di Viterbo ha tuttora ben 18 strutture sportive gestite da diversi soggetti su tutto il territorio e che, nonostante la carenza di fondi, è necessario continuare come finora è stato fatto a gestire al meglio la manutenzione dei vari siti anche per quanto riguarda la sicurezza degli atleti e delle attrezzature sanitarie di primo soccorso. Infine si è anche auspicato di aprire il più possibile queste strutture e la città di Viterbo intera, ai grandi eventi sportivi per puntare anche sul turismo sportivo che ogni anno muove centinaia di persone e può essere un ottimo biglietto da visita per tutto il territorio.
Nell’incontro di Fratelli d’Italia di sabato mattina, invece, la parola è passata ai responsabili degli asili nido di Viterbo. Erano presenti, oltre al sindaco Giulio Marini e all’assessore Luigi Maria Buzzi che ha moderato l’incontro, anche Rosa Maria Purchiaroni, coordinatore pedagogico degli asili nido comunali e convenzionati, Elisa Calbrò, presidente dell’associazione Nidinsieme e Massimo Palumbo, direttore dell’unità operativa di Pediatria della Asl. Insieme a loro si è discusso del ruolo centrale all’interno della società dei bambini e quindi della cruciale rilevanza del servizio di asili nido in città.
A tal proposito è stato proposto di stilare una vera e propria Carta dei servizi rivolta all’infanzia, affinché gli asili non siano soltanto delle strutture che aiutino le famiglie a prendersi cura dei loro figli, ma anche un luogo di crescita e di primaria educazione della persona. Il servizio, quindi, deve e dovrà essere migliorato e qualificato il più possibile anche con un eventuale tavolo permanente che si occupi della programmazione degli asili.
Ci si è soffermati infine sul prossimo rinnovo della convenzione degli asili nidi, che scadrà a breve, per fare in modo che venga arricchito di tutte le peculiarità necessarie a rendere l’ambiente e la gestione degli asili nidi sempre migliore per i bambini che li frequentano.

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

WhatsApp chat