FDI su Magazzino 18

Sulla scia di quanto accaduto nella puntata del 10 febbraio del programma

di Simone Cristicchi Magazzino 18, Fratelli d’Italia vuole tornare a

ribadire l’importanza del ricordo e della memoria delle vittime delle

Foibe istriane, soprattutto alle giovani generazioni coinvolgendo le

scuole.

Con questo obiettivo sarà presentata nei prossimi giorni una mozione

sull’argomento che vuole dare voce a una tragedia troppo spesso

dimenticata affinché non ci siano più vittime di serie A e vittime di

serie B.

Il monologo recitato e cantato da Simone Cristicchi con l’orchestra

sinfonica e il coro dei bambini del Friuli Venezia Giulia è stata proprio

dedicato a quei 350.000 Italiani di Fiume, Istria e Dalmazia che

all’indomani del Trattato di pace del 1947, abbandonarono i propri beni

per avventurarsi verso un’Italia disastrata piuttosto che restare,

estranei, nella Jugoslavia di Tito, una terra di violenze e soprusi che

non riconoscevano più.

Le foibe sono il simbolo tragico di quegli eccidi avvenuti nei confronti

della popolazione italiana della Venezia Giulia e della Dalmazia, durante

la seconda guerra mondiale e nel dopoguerra. I massacri avvenivano

all’interno della secolare disputa tra italiani e popoli slavi per il

possesso delle terre dell’Adriatico orientale.

Simone Cristicchi prima della messa in onda del programma del 10 febbraio

aveva pubblicato su Facebook la foto di una scritta apparsa a Mestre nel

giorno del ricordo in cui si legge: “Cristicchi, solo i fasci sono nelle

foibe” con il commento dell’artista che invece dichiara: “purtroppo

per gli autori la memoria si condivide e la storia non si cancella e non

si cambia”.

Luigi Maria Buzzi

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

WhatsApp chat