Elezioni : Fratelli d’Italia può rappresentare il centrodestra

Il Natale e la Befana sono tricolore. Almeno per Fratelli d’Italia che anche per quest’anno regalerà atmosfera e doni per le feste.

Le due iniziative in programma sono state presentate questa mattina in conferenza stampa dai consiglieri comunali Luigi Maria Buzzi. Presenti anche il consigliere e coordinatore comunale Gianluca Grancini, il consigliere provinciale Alberto Cataldi, il sindaco di Vasanello Antonio Porri, il dirigente nazionale del partito Mauro Rotelli e Serenella Bovi presidente dell’associazione La tana degli orchi che si occuperà della realizzazione della Befana Tricolore.

Il Natale Tricolore sarà il 21 dicembre, alla presenza di Fabio Rampelli, alle 18,30 nel bar Grandori di Porta Romana mentre la Befana Tricolore il 6 gennaio a piazza delle Erbe. “Per questa occasione – ha spiegato Buzzi -, che è un nostro appuntamento tradizionale, abbiamo deciso di affidare tutta l’organizzazione delle festa a un’associazione che si occupa proprio di far giocare i ragazzi. “.

Serenella Bovi presidente della Tana degli orchi ha illustrato nel dettaglio la giornata. “Abbiamo pensato a momenti di condizione con il ludo baratto, dove i bambini potranno portare un gioco che non usano più e prenderne uno in cambio. Nel pomeriggio spazio alla creatività con la costruzione delle calze e ancora giullari e giocolieri”.

La conferenza stampa è stata anche l’occasione per tracciare un bilancio dell’attività politica a Viterbo e provincia.

“Quello che sta per arrivare – ha detto ancora Buzzi – è un 2017 ricco di sfide e obiettive. Ci auguriamo che presto si torni al voto anche a Viterbo. Fratelli d’Italia può rappresentare degnamente il centrodestra. Un centrodestra che non è affatto morto e sepolto, anzi questa effervescenza è un segnale che ci sono più persone che possono rappresentarlo. Noi ovviamente siamo disponibili a un incontro e siamo pronti più che mai ad accogliere tutte le sfide che il 2017 e il 2018 ci porteranno. Tra l’altro l’esito dell’ultimo referendum ci ha mostrato quanto i cittadini vogliano partecipare alla vita politica del paese”.

Dello stesso avviso il consigliere provinciale Cataldi. “Il referendum ha dato una sonora batosta alla riforma Delrio ora i signori del Pd devono spiegarci cosa succederà. Hanno completamente svuotato un ente che faceva da collante tra Comuni e Regione e ora non è più possibile far fronte alle richieste. Il problema più grande è che ora che cosa succederà con la riforma bocciata. Verrà un commissario? Ci saranno elezioni? E di che tipo. Mazzola e il Partito democratico devono darci delle risposte”.

Da Palazzo Gentili a Palazzo dei Priori il passo è breve. “Esattamente un anno fa parlavamo della crisi della maggioranza in Comune – ha continuato il consigliere Grancini -, una crisi mai finita. E si vede anche dagli ultimi passaggi in consiglio comunale, dove solamente 11 consiglieri di maggioranza hanno votato sì alla decadenza di Moltoni. La loro amministrazione che non ha prodotto nessuna pratica in questo anno e il sindaco a questo punto dovrebbe pensare seriamente al suo gruppo. Noi siamo stanchi di questa amministrazione senza progetti. Il nostro augurio è di andare a votare anche noi a maggio per togliersi di torno questi zombie”.

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

WhatsApp chat