Natura, Banche e Governo

TUTELA DEL TERRITORIO, DELLA NATURA E DELL’AMBIENTE.

Per un’Italia sostenibile.
Difesa del territorio, del paesaggio e della natura aggrediti dall’incuria e dall’abbandono, principale causa di incendi e del dissesto idrogeologico.
Messa in sicurezza delle zone a maggior rischio sismico.
Valorizzazione dei Parchi nazionali e un loro corretto ed equilibrato uso turistico.
Formazione alla tutela dell’ambiente fin dagli anni della scuola.
Progressiva messa al bando dei materiali non biodegradabili.
Sostegno alle energie rinnovabili e alla ricerca in questo campo con lo scopo di avvicinare l’Italia il più possibile all’autonomia energetica.
Riconversione delle attività produttive a elevato impatto ambientale.
Tassa sui rifiuti calcolata in base alla qualità e alla quantità dei rifiuti prodotti per rafforzare
la raccolta differenziata.
Tutela dei nostri mari e restauro delle nostre coste anche attraverso un piano straordinario di sostituzione edilizia per liberarle dagli “ecomostri”.
Salvaguardia della cultura rurale e delle attività che ne sono portatrici.
Corretta gestione del patrimonio faunistico e ambientale.
Obiettivo città a impatto zero anche attraverso la realizzazione di ‘foreste urbane’ e sostegno alla mobilità sostenibile.
Codice di tutela degli animali domestici e di affezione.

BANCHE AL SERVIZIO DI FAMIGLIE E IMPRESE.
Nuova commissione parlamentare d’inchiesta per fare piena luce sugli scandali bancari e tutelare i risparmiatori.
Rendere la vigilanza di Bankitalia e di Consob efficace perseguendo ogni conflitto di interesse.
Separazione tra banche commerciali e banche di investimento anche per favorire il credito a famiglie e imprese.
Tetto ai dividendi e agli stipendi per le banche aiutate con risorse pubbliche.
Rendere pubblici i nominativi dei principali debitori insolventi delle banche aiutate dallo Stato, perseguire amministratori e dirigenti bancari responsabili di comportamenti scorretti nei confronti dei risparmiatori.
Rafforzare la natura pubblica di Banca d’Italia anche nazionalizzando le quote di proprietà detenute da banche private.
Ribadire la proprietà pubblica delle riserve auree e loro totale rientro sul territorio nazionale.

PER UN GOVERNO FORTE E ISTITUZIONI EFFICIENTI.
Riforma presidenziale della Repubblica con elezione diretta del capo dello Stato o del Governo.
Federalismo responsabile; adeguamento dei poteri, delle risorse e del patrimonio di Roma Capitale agli standard delle principali capitali europee; rafforzamento e valorizzazione delle autonomie locali e dei poteri dei Sindaci.
Vincolo di mandato anti voltagabbana e anti ribaltoni.
Superamento del bicameralismo perfetto e riduzione del numero dei parlamentari.

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO… CLICCA QUI

Hai qualche domanda o qualche proposta da farci ? Compila il modulo qui in basso :

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

WhatsApp chat