Comunicato di Paolo Bozzi sul Bilancio del Comune di Viterbo

“Con Trentamilalire il mio falegname la fa meglio !” viene da pensare vedendo le ultime notizie di Viterbo e ricordandoci della famosa battuta del film “tre uomini e una gamba” di Aldo, Giovanni e Giacomo.

Vedere in prima pagina la destinazione di 30MilaEuro (che in Lire se non ricordo male farebbe circa SessantaMilioni) del bilancio della nostra città per la gestione del profilo facebook del Sindaco di Viterbo. Cifra e destinazione che da una parte lascia increduli, dall’altra fa montare una rabbia incontenibile e gridare all’ennesimo scandalo.

La rabbia di chi, a breve, sarà coperto con altri Dieci milioni circa di nuove tasse.
Dieci milioni di nuove tasse in aggiunta ai non pochi ventotto dello scorso anno con un incremento di oltre il 35%.
Interamente presi dalle tasche dei cittadini!

Nessun taglio, nessuna SPENDING REVIEW, nessuna riduzione di compenso, nessun ufficio accorpato. Nessun progetto rivoluzionario messo sul campo.

Un enorme cifra di oltre 150 euro per ogni abitante compresi neonati, disoccupati, nonni e bisnonni !! Una cifra che rapportata ai capofamiglia rischia di raggiungere cifre enormi ed insostenibili poiché AGGIUNTA alle tasse già esistenti e già tristemente pesanti.

Questo periodo è evidentemente difficile. Disoccupazione oltre al 12% con punte di quasi il 50% tra i giovani, con aziende in chiusura continua, con aste immobiliari sempre più affollate e con una Nazione che sembra sempre più alla deriva, distratta in disquisizioni che di politico, di veramente politico, hanno ben poco.

In tutta questa situazione, purtroppo, sia a livello Nazionale che a livello locale sembra che dei cittadini non interessi a nessuno, in una sorta di Robin Hood al contrario. Si “ruba” ai poveri, cittadini comuni che faticano a sbarcare il lunario, chi si è sudato una casa, chi ha messo da parte qualche risparmio, per dare ai “ricchi” che hanno un lavoro fisso e stabile, chi si occupa di opere o iniziative che, qualche volta capita, finiscono giustamente in procura o alla corte dei conti.

“Un’impresa possibile” recitava lo slogan elettorale che ha reso il nostro Leonardo sindaco di Viterbo.
Un’impresa che sembra proprio, e non ce lo auguriamo, il viaggio inaugurale del Titanic costellato di mille proclami autocelebrativi, mille scelte annunciate ma mai realizzate e nessuna delle rivoluzioni tanto declamate nei pensieri dei nostri governanti.

Per non parlare del famigerato “Patto per Viterbo”, quello che il magistrale Leonardo ha stretto con il Presidente della regione Lazio Zingaretti e che per ora ci ha regalato solo tanta immondizia da tutta la regione! Senza alcun vantaggio per la nostra città… senza nessun controvalore… nessuna opera… nessuno sviluppo…

A completare questo bellissimo quadretto ci sono le imprese, vero motore dell’economia nazionale, che arrancano in un ginepraio di norme, di difficoltà oggettive nelle riscossioni, nell’impossibilità di accedere ad una vera giustizia, nella difficoltà di difendersi da un fisco aggressivo e spesso cieco, che non vede i grandi sprechi e le grandi evasioni e si rifà sulle piccole imprese oggi come non mai inadeguate a subire questo spropositato macigno.
Ci auguriamo che la classe politica tutta si ravveda e si affretti a porre rimedio a questo declino che sappiamo può e deve essere arrestato e combattuto con la serietà e la responsabilità che i cittadini meritano e si aspettano.

In questo Fratelli d’Italia è in prima linea sempre per difendere l’interesse della propria cittadinanza, di tutta la cittadinanza e per trovare, concretamente, modalità alternative per quadrare il bilancio senza alzare tasse.
Attendiamo tutta la cittadinanza presso la nostra sede di Viale Romiti per firmare le petizioni a sostegno di nuove iniziative.

Il Portavoce Comunale di Viterbo
Paolo Bozzi

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

WhatsApp chat