Buzzi e Grancini: Sicurezza in comune, chi l’ha autorizzata e quanto costa?

Da qualche giorno, il tardo pomeriggio dal lunedì al venerdì, a Palazzo dei Priori ha preso servizio una persona per assicurare l’incolumità del sindaco e degli uffici, dopo l’orario di lavoro degli uscieri.

Si tratta del nuovo servizio di sorveglianza.

La cosa veramente strana, però, non è la presenza di questa persona nel palazzo comunale, bensì capire e sapere a che titolo e per quale motivo questa sia lì. Quali siano i suoi compiti, i suoi orari, la sua retribuzione, chi lo ha autorizzato.

Insomma tutto questo dove sta scritto? In quale atto è riportato?

Purtroppo questo documento ancora non c’è, non esiste, non è stato ancora pubblicato, per ora è un atto “fantasma”.

È mai possibile che nessuno della giunta, dei dirigenti, il segretario generale, gli uffici, gli organi di controllo si pongano una semplice domanda sulla legittimità di un comportamento amministrativo del genere?

È opportuno che in un periodo di crisi dove sempre più spesso si chiedono sacrifici ai cittadini, poi vengano previste spese di questo genere? Si parla di migliaia di euro.

Il tutto senza un benché minimo avviso pubblico, senza per esempio coinvolgere le numerose strutture di volontariato che annualmente offrono il proprio contributo in questo settore all’amministrazione.

Ci auguriamo che chi ha il potere d’intervenire intervenga al più presto, con buona pace di chi è chiamato a “difendere” l’indifendibile.

 

Luigi M. Buzzi

Gianluca Grancini

Consiglieri Comunali FDI-An

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑